LA REGIONE SICILIA PREMIA CON UN BONUS LE AZIENDE CHE ASSUMONO DISOCCUPATI DI LUNGA DURATA E DISABILI

Ragazza in CarrozzinaPubblicato sul sito del Dipartimento dell’Assessorato regionale al lavoro l’Avviso 21/2018 con cui  la Regione Siciliana ha stanziato un finanziamento pari a € 15 milioni destinato alle imprese che assumano  con contratto a tempo indeterminato soggetti svantaggiati, in particolare disoccupati di lunga durata e disabili riconosciuti ai sensi della legge n. 68/99 (si tratta di invalidi civili con percentuale superiore al 45%; invalidi del lavoro con percentuale superiore al 33%, non vedenti, sordomuti, invalidi per servizio, invalidi di guerra e invalidi civili di guerra).

IL BONUS PER L’ASSUNZIONE

Il contributo è erogato per n. 24 mesi a partire dalla data di assunzione nel limite massimo di €  14.000 nei due anni,  così articolato: € 6.000 per i primi 12 mesi ed € 8.000 per i mesi dal 13° al 24° mese.

Il bonus, inteso come copertura parziale del costo salariale, è cumulabile con altri aiuti di stato ma non può superare l’intensità di aiuto superiore al 50%  (75% in caso di disabili) del costo salariale annuo.

DESTNATARI DEL BONUS

  • soggetti residenti o domiciliati in Sicilia da almeno 6 mesi;
  • di età compresa tra i 18 e i 65 anni;
  • disoccupati da più di 12 mesi (da più di 6 se trattasi di giovani tra 18 e 24 anni);
  • iscritti in un centro per l’Impiego della Regione.

SOGGETTI BENEFICIARI DEL BONUS

  • imprese (o datori di lavoro) privati con sede in Sicilia;
  • che non siano in stato di fallimento, liquidazione coatta, liquidazione volontaria, concordato preventivo e che non abbiano in corso una domanda di riconoscimento delle su indicate situazioni;
  • in regola con gli adempimenti contributivi ed assicurativi, con la normativa in materia di igiene e sicurezza sul lavoro, con gli obblighi previsti dalla legge n. 68/99 sul collocamento mirato;
  • che non siano state interessate da licenziamenti collettivi nei 12 mesi precedenti l’assunzione con incentivo:
  • compatibili con la normativa sugli aiuti di Stato con regime dei minimis.

IL RAPPORTO DI LAVORO

  • deve essere instaurato e svolto in Sicilia;
  • non deve essere costituito per coprire un obbligo di legge;
  • può essere anche part time ed in questo caso il contributo sarà riparametrato;
  • non deve trattarsi di un contratto di apprendistato;
  • non deve trattarsi di lavoro domestico;
  • non deve riguardare soggetti prossimi al pensionamento;
  • non deve riguardare attività di gioco, scommesse e case da gioco.

Le imprese interessate possono presentare domanda all’indirizzo PEC del Dipartimento del lavoro dal momento in cui verrà pubblicato l’Avviso nella Gazzetta Ufficiale e fino al 31/12/2018, fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Per maggiori informazioni ,vedi:

http://pti.regione.sicilia.it/portal/page/portal/PIR_PORTALE/PIR_LaStrutturaRegionale/PIR_Assessoratofamigliapolitichesocialielavoro/PIR_DipLavoro/PIR_DipLavoro_News?stepThematicNews=det_news&idNews=197018520&thematicFilter=PIR_ArchivioNewsDipLavoro

Oppure vienici a trovare presso i nostri uffici siti a Trapani nella via Rocco Solina 2 – tel. 092324997

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.