Avviso n. 19/2018. La Regione Siciliana finanzia interventi finalizzati all’inserimento lavorativo dei soggetti con disabilità

Pubblicato nella Gazzetta della Regione Siciliana del 23 febbraio u.s.  l’avviso n. 19/2018 per la presentazione  di azioni per l’occupabilità  di persone con disabilità, vulnerabili e a rischio di esclusione. Vediamo insieme di cosa si tratta:

Ventidue milioni è la somma stanziata dalla Regione Siciliana per finanziare azioni che vedono destinatarie persone disoccupate e non occupate prese in carico  e/o censite dai servizi socio-sanitari regionali o dal centro di Giustizia minorile, ricomprese nelle seguenti aree di disagio sociale:

  • Disabilità psichica, fisica e sensoriale. Per quest’area la dotazione è pari al 25% dell’intero finanziamento, cioè € 5.500.000,00;
  • Immigrazione e minoranza;
  • Donne vittime di abusi e di violenza;
  • Dipendenze;
  • Minori e giovani in condizioni di disagio sociale.

Oggetto delle proposte progettuali devono essere attività che, secondo una logica integrata,  siano finalizzate a favorire l’inserimento lavorativo mediante azioni indirizzate alla persona con l’accoglienza, la presa in carico, l’orientamento e la progettazione di percorsi individualizzati; azioni indirizzate al processo di occupabilità mediante tirocini di orientamento e inserimento al lavoro presso imprese, ma anche azioni di formazione e di accompagnamento al lavoro subordinato mediante ricorso al contratto di ricollocazione ed inoltre accompagnamento e tutoring per i soggetti che troveranno occupazione nelle imprese presso cui verrà svolta l’attività di tirocinio.

Possono presentare le proposte progettuali gli Organismi del Terzo settore (cooperative sociali, enti senza scopro di lucro e associazioni), le Agenzie per il lavoro, le imprese (anche attraverso le associazioni di categoria), i centri anti violenza, gli enti di formazione, purché in Associazione Temporanea di scopo o Consorzio già costituito o da costituire.

Le domande devono essere presentate al Dipartimento della Famiglia e delle Politiche Sociali entro e non oltre il 45° giorno della data di pubblicazione dell’Avviso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.