Indennità di accompagnamento: chi ne ha diritto?

L’accompagnamento è un’indennità economica, istituita dalla legge n. 18/80, che viene riconosciuta a chi per patologie fisiche o psichiche si trovi in una delle due seguenti condizioni:

  • Non riesce a deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore;
  • Non è in grado di compiere gli atti quotidiani della vita (mangiare, lavarsi, andare in bagno, ecc.) e ha bisogno di assistenza continua.

Il beneficio viene riconosciuto in presenza di invalidità totale e permanente del 100%  e delle suddette condizioni di non autonomia.

L’indennità non dipende da limiti di età, non  è soggetta a limiti di reddito; non fa reddito ai fini IRPEF; è compatibile con attività lavorativa; non è riconosciuta in caso di ricovero presso strutture di assistenza pubblica.

L’ importo mensile è di € 516,35. Non c’è tredicesima.

Per ottenerne il riconoscimento, è necessario presentare domanda all’INPS, esclusivamente in modalità telematica. Una apposita commissione medica sottopone a visita il richiedente ed esamina la documentazione presentata; quindi, viene rilasciato un verbale di accoglimento o rigetto. In quest’ultimo caso il richiedente può impugnare il verbale, coadiuvato da un avvocato, con ricorso presso il Tribunale del luogo di residenza.

Per maggiori informazioni vienici a trovare presso i nostri uffici siti a Trapani in via Rocco Solina, 2  da lunedì a venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00.

ANMIC Trapani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Accetto la Privacy Policy

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.